mercoledì 2 settembre 2009

Progetto versione 1.1

Il tracciato presentato precendentemente presenta, a mio avviso, almeno due difetti:

Un difetto è relativo alla scomodità per un operatore durante il passaggio dalla parte interna a quella esterna dell'anello chiuso dei diversi moduli (pur essendo il tracciato punto a punto); sarebbe possibile fare questo solo piegandosi e passando al di sotto di uno dei moduli.
Anche aumentando l'altezza da terra dei moduli la considero questa una scomodità.

Un altro, più grave, è relativo alle curvature dei binari di ingresso alla stazione terminale: facendo infatti una prova di stesura degli stessi, ho ottenuto dei raggi inaccettabili per una stazione e questo sarebbe andato a scapito del realismo.
Il tutto è dovuto al fatto che, usando dei figurini in scala 1:1, non si riesce in alcuni casi ad allocarli consecutivamente nella esatta posizione, soprattutto se si vogliono sviluppare delle curvature.

Di qui la decisione di modificare il tracciato, senza però sconvolgerlo del tutto, in quanto il tema proposto mi sembra accettabile.

Quindi opto per una soluzione con i moduli che non chiudono ad anello la struttura, ma lascino un minimo di passaggio libero per un operatore che volesse recarsi al di fuori della stanza o anche solo passare dalla parte esterna del plastico.

Inoltre la parte necessariamente curva del tracciato è adibito alla piena linea, purchè con ampio raggio, mentre la stazione terminale e quella secondaria si sviluppano in rettilineo: meglio, infatti, una curva in piena linea ad ampio raggio che una stazione principale in curva con raggi via via più stretti e poco realistici...



Come si vede dalla figura, disegnata su carta in scala 1:5, la linea parte dalla stazione terminale di Massaradica (pari a 170 cm di lunghezza), che vorrei però dividere in due moduli separati per facilitare il trasporto (non si sa mai...).

La stazione presenta 3 binari principali di arrivo treni, con possibilità di giro locomotiva; il binario termina a filo del modulo pur essendo terminale, in quanto in futuro potrebbe essere possibile un ampiamento in questa direzione. Inoltre ci sono altri 3 tronchini di scalo, di cui 2 affiancati da un lungo piano di carico con magazzino merci abbastanza ampio; è ancora presente però il "vecchio" magazzino merci.

Dalla stazione partono 2 raccordi industriali:

uno verso il modulo adiacente in cui è presente la Italsementi S.p.A. con 2 tronchini (uno ad uso di asta di manovra per la stazione) e relativi silos; l'altro presente sul modulo successivo a quello adiacente alla stazione, in cui è presente la Cementeria "Salute", anch'essa con 2 tronchini (arrivo materie prime (sabbia, ghiaia, ecc..) e partenza semilavorati/prodotti finiti (big-bag di cementi vari) ).

Su questo modulo è presente anche una fermata per due paesini vicini: Borgofino - San Fedele.

Proseguendo si arriva alla stazione di Vago Sant'Andrea pari a 140 cm di lunghezza, costituita da 2 binari, di cui uno di corsa e un altro di raddoppio, più un tronchino di deposito. E' presente un ulteriore tronchino ad uso del Consorzio Agrario Locale, leggermente dislocato.

Dalla stazione parte, in senso opposto, un raccordo verso la Società Ortofrutticola "Green". Si tratta quindi di una zona prettamente agricola ma abbastanza organizzata per la vendita e la distribuzione dei propri prodotti.

Pertanto, seguendo il consiglio di Mario "Cretaz", gli angoli sono così sfruttati per fabbriche.

Il tracciato termina in una coulisse "resto del mondo" chiamata Vago Centrale, cioè la città immaginaria, successiva a Vago Sant'Andrea, e da cui i treni possono proseguire verso altre immaginarie destinazioni.


P.S. Nel frattempo sono arrivati i binari necessari, quindi al più presto cominceranno i lavori di costruzione

P.S.2 Sono arrivati 7 nuovi carri merce (4 frigo isolati tipo I a 2 assi e 3 carri tramoggia per trasporto cereali a carrelli credo tipo Uc), che si aggiungono ai carri aperti tipo E e ai carri chiusi tipo G, che presenterò tutti un'altra volta.

6 commenti:

Alex Corsico ha detto...

Bravo Donato, il progetto è semplice, ma pulito e "ferroviario".
Non dimentichiamoci che nella realtà bisogna razionalizzare il tutto. Hai anche qualche pezzo di pena linea per le "foto" dei feramatori :)

Ciao e spero di rivederti presto

Mario ha detto...

Bene Donato, l'1.1 potrebbe essere quello definitivo!
Sigla il progetto e stanzia i fondi per la costruzione!
Si parteeeeeeeeeeee...

Donato ha detto...

Fondi già stanziati e in parte spesi.
Prima fornitura del materiale già arrivata.
Previsto per il prossimo fine settimana (cioè tra poco più di 30 ore) l'inizio ufficiale dei lavori nella stazione di Massaradica, ovviamente salvo imprevisti del tipo "...vai a fare la spesa..." oppure "...non mi incasinare di segatura la stanza..." e via dicendo...

Come mi regolo con il modulo diviso in 2? Un'unica lastrina di vetronite per i 6 binari della stazione oppure semplicemente un modulo intero, cioè non più diviso in 2?

Donato ha detto...

Oppure uso il metodo delle viti nel piano del legno di base e poi le saldature dei binari alle stesse?

Pascal ha detto...

Bravo !!

C'est un tracé simple et efficace .Tout ce que j'aime !

Pascal

Donato ha detto...

Merci Pascal et à bientôt...